SLIDER-CAPPOTTO-SICURO

NON TUTTI I CAPPOTTI SONO

SICURI

rete

NON TUTTI I CAPPOTTI SONO

UGUALI

resistenza-al-fuoco

NON TUTTI I CAPPOTTI SONO

RESISTENTI AL FUOCO

edificio-efficiente-new

NON TUTTI I CAPPOTTI SONO

SOSTENIBILI

Sheepskin coat winter fashion woman in long coat

NON TUTTI I CAPPOTTI SONO

MARCHIO SPIDEREX NEG

Guarda il video dell’applicazione del sistema cappotto sicuro spideREX K8 e quello sulla prova di resistenza al fuoco e scoprirai i grandi vantaggi che Rexpol ha concentrato nel kit spideREX K8. Sicurezza per i progettisti, per l’impresa costruttrice e per l’applicatore, sicurezza per il cliente finale. Perché non tutti i cappotti sono uguali.

Vantaggi e applicazione

Resistenza al fuoco

Eventi

Dove come e quando potrete incontrare spideREX K8

pulsante eventi 2
pulsante eventi 2

NEWS

Tutte le novità sul cappotto di isolamento più rivoluzionario

Dal solito cappotto al sistema cappotto sicuro

Com’è fatto un cappotto isolante di tipo tradizionale

L’isolamento a cappotto è una tecnica per la coibentazione termica e acustica delle pareti di un edificio, tramite l’applicazione di materiale isolante sulla superficie delle pareti esterne. Nel rivestimento a cappotto esterno si può definire lo spessore adatto al materiale scelto, in modo da raggiungere gli obiettivi energetici prefissati. Il cappotto si realizza applicando alle pareti dei pannelli isolanti (lana minerale, fibra di legno, sughero, schiume minerali, polistirene espanso sinterizzato, polistirene estruso, poliuretano) con colla e sistemi di fissaggio. In seguito i pannelli vengono ricoperti da una rete  e da uno strato sottile di rasante (5/6 mm) a cui, in una fase successiva, verrà applicata la finitura scelta.

Le problematiche  del cappotto isolante di tipo tradizionale

A tutt’oggi, nel cappotto isolante di tipo tradizionale, sopra allo strato isolante viene applicato un sottile strato di intonaco su cui viene posta una sottile rete con la funzione di fare da aggrappante per poter sostenere lo strato successivo di intonaco, su cui applicare poi la finitura.
Questo tipo di cappotto, pur essendo abbastanza efficace sotto l’aspetto dell’isolamento termico e acustico, presenta alcune problematiche, soprattutto di tipo meccanico, di resistenza al fuoco e di sfasamento termico.

spideREX K8, la rivoluzione che passa dalla semplificazione del sistema

spideREX K8 è il nuovo sistema brevettato da Rexpol che rivoluziona il tradizionale concetto di cappotto termico per edifici. È un sistema innovativo  di isolamento  delle facciate, costituito da una  speciale lastra termoisolante in EPS con rete tridimensionale di armatura porta intonaco applicata, predisposta per il fissaggio dei tasselli, che permette la spruzzatura meccanizzata di intonaci speciali, mantenendone lo spessore uniforme e calibrato, e garantendo altissime prestazioni tecniche unite alla massima velocità di applicazione del sistema e alla semplicità di posa.

La sicurezza e la certezza di uno spessore di intonaco che va ben oltre gli standard abituali

Fig. 1 – Spessore dell’intonaco su cappotto di tipo tradizionale

Fig. 2 – Spessore dell’intonaco applicato su spideREX K8

Fig. 3 – Particolare della rete RXR da cui si nota la distanza tra la rete e la lastra RXL (15 mm)

Mentre nel tradizionale isolamento a cappotto (Fig. 1),  lo spessore medio del rasante (solitamente di 5/6 mm totali) è difficilmente verificabile, lo spessore dell’intonaco che viene applicato nel sistema cappotto sicuro spideREX K8  va ben oltre gli spessori che vengono applicati  nella posa di un cappotto tradizionale.

Nel sistema spideREX K8, infatti, la quantità di intonaco totale applicata (aggrappante RXM1 + intonaco di fondo RXM2 oppure intonaco strutturale RXM3) deve essere di almeno  25 mm, ovvero 10 mm in più rispetto allo spessore della rete di calibratura (Fig. 2). 

Nel particolare della rete RXR (Fig. 3), si nota la distanza (circa 15 mm) che intercorre tra la rete stessa e la lastra, e su cui andrà applicato l’intonaco.

Maggior spessore di intonaco, maggior sicurezza nelle prestazioni

Lo spessore dell’intonaco influisce su numerosi indici prestazionali del cappotto isolante, assicurando elevate performance di:

  • isolamento termico (diminuzione della trasmittanza termica)
  • migliorato sfasamento termico
  • aumento delle prestazioni meccaniche in caso di grandine, urti accidentali e nell’applicazione di corpi appesi (es. corpi illuminanti, tende parasole esterne)
  • maggior sicurezza in caso di sisma grazie alla continuità della rete tridimensionale e alla compattezza  e allo spessore dell’intonaco
  • resistenza al fuoco, in quanto il maggior spessore dell’intonaco protegge la struttura sottostante dall’azione del calore
  • miglior isolamento acustico (dato dall’effetto massa-molla-massa)
  • velocità e semplicità di applicazione: non è necessaria mano d’opera specializzata e l’applicazione dell’intonaco avviene  in modo meccanizzato
  • sicurezza di un lavoro fatto a regola d’arte con lo spessore dell’intonaco definito in base alle esigenze e perfetta calibratura e staggiatura dello stesso.

Resistenza al fuoco

Vantaggi e applicazione

Guarda il video dell’applicazione del sistema cappotto sicuro spideREX K8 e quello sulla prova di resistenza al fuoco e scoprirai i grandi vantaggi che Rexpol ha concentrato nel kit spideREX K8. Sicurezza per i progettisti, per l’impresa costruttrice e per l’applicatore, sicurezza per il cliente finale. Perché non tutti i cappotti sono uguali.